Logo Wed Preneur Academy
Logo Wed Preneur Academy Mobile

L’hashtag #weddingplannerinazione

Un giorno di qualche mese fa ho ricevuto le fotografie di un matrimonio della scorsa stagione. Subito ho cliccato il link che mi aveva inviato la fotografa per gustarmi le immagini di quella giornata incredibile e...ho iniziato presto a ridere!

Le foto erano tantissime ovviamente, i fotografi avevano immortalato proprio tutto, e in tante di quelle foto non ho potuto fare a meno di notare, sullo sfondo, una figura a me nota.

Ero io, sempre indaffarata in qualche attività. Io al telefono, io con le scatole in mano, io che attraversavo il prato, io che chiedevo agli ospiti di entrare in chiesa, io che aggiustavo il velo alla sposa, io che spiavo lo svolgersi della cena e via di questo passo.

“Ecco cosa fa davvero una wedding planner il giorno del matrimonio, altro che accendere candele!”.

Ho condiviso alcune di quelle immagini nelle mie stories di Instagram e commentando la cosa con una mia collega lei mi ha detto “Fai l’hashtag #weddingplannerinazione!”. E così l’ho fatto, l’abbiamo fatto.

Abbiamo invitato le nostre colleghe ad usarlo per postare le immagini di noi wedding planner mentre lavoriamo sul serio.

So bene che l’immagine più condivisa dalle wedding planner è quella di loro intente ad accendere candele, fare un fiocchetto o sorridere alla macchina fotografica con un tubino addosso e una cartelletta alla mano, ma credo che questa abitudine contribuisca a creare quella malsana opinione, diffusa nel settore, che le wedding planner siano delle figure del tutto superficiali, presenti solo per dare qualche tocco qua e là.

Ma io so bene che questa non è la verità, su una brava wedding planner poggia tutta l’organizzazione, siamo una parte molto importante di un matrimonio ben riuscito, sicuramente una parte fondamentale per un matrimonio che diventi qualcosa di unico e speciale.

Capisco anche che gli sposi prossimi al matrimonio e in cerca di un wedding planner abbiano bisogno di vedere il sogno, la magia, di credere che sia possibile ottenere tutto con uno schiocco di dita.

Ma forse è bene iniziare ad educare i clienti facendo loro capire per cosa esattamente un wedding planner si fa pagare, come si arriva ad ottenere quelle immagini da sogno che amiamo postare sui social.

Sicuramente è importante che tutto il lavoro che si cela dietro ad un evento fantastico lo comprenda chi questo lavoro desidera conoscerlo e farlo proprio. Quindi per questo vorrei che l’hashtag #weddingplannerinazione venga sempre più utilizzato, per mostrare come ci si impegni a fondo durante il giorno del matrimonio e in tutti quelli che lo precedono.

Per far capire che siamo persone vere, efficaci, che si mettono in gioco, che sanno quello che devono fare, che lo fanno con tutte le loro energie. Sono cose che i nostri stessi clienti capiscono, e solo in parte, soltanto a matrimonio avvenuto. Questo ci può far capire come sia difficile trasferire il contenuto della nostra professione, se nemmeno chi lo sperimenta ogni giorno lo comprende a fatica.

Vogliamo provare a raccontarci davvero per quello che siamo? Credo che l’autenticità sia un valore da coltivare, ora più che mai. Proviamo a trasmetterla in prima persona, con la gallery di #weddingplannerinazione e in tutti i modi che possiamo. L’autenticità porta a rapporti veri, con persone simili a noi, con i nostri stessi valori. Tutto questo non può che far bene alla nostra vita e alla nostra professione.

Per rimanere aggiornata su tutte le novità di Wedpreneur Academy iscriviti alla newsletter, riceverai subito in regalo l’audio coaching: tre azioni da compiere subito per diventare una vera Wedpreneur!

 
Hai trovato interessante questo articolo? Lasciami un commento!