Logo Wed Preneur Academy
Logo Wed Preneur Academy Mobile

Empatia: la dote più importante per un wedding planner

Di tutte le skills che un wedding planner dovrebbe avere, ce n’è una che definirei essenziale.

Si tratta di una capacità che molti definiscono innata ma che, in realtà, può essere allenata.

Ti sto parlando dell’empatia: la capacità di comprendere a fondo lo stato d’animo di un’altra persona.

Non si tratta di essere semplicemente comprensivi, bensì di riuscire ad immedesimarsi nelle emozioni di chi abbiamo di fronte.

Riuscire in questo intento ci mette nelle condizioni di sviluppare una comunicazione autentica, attraverso la quale avere uno scambio (mentale, emozionale, di contenuti) profondo.

Nella vita quotidiana di un wedding planner, dove e quando può essere utile sfruttare le proprie abilità empatiche?

Nel momento in cui ti confronti con un cliente o un fornitore che la pensa diversamente da te, attraverso la tua empatia puoi comprendere le ragioni che lo portano ad abbracciare certe convinzioni e tendere verso determinate decisioni.

Questo non significa cambiare le tue idee, ma la tua empatia ti permetterà di comunicare il tuo punto di vista in modo umano e rispettoso e tenere tutto su un piano rispettoso e costruttivo. 

L’empatia conduce ad un'apertura mentale che non può che giovare alla tua comunicazione e ai rapporti che coltivi attraverso il tuo lavoro.

Senza l’attitudine all’empatia non sarebbe possibile comprendere determinate reazioni di alcune spose in certe situazioni, né saremmo in grado di gestirle con successo. E il successo in questi casi si raggiunge quando il nostro cliente sente di aver avuto il nostro supporto senza sentirsi giudicato da noi.

Per supporto, ripeto, non intendo aver dato incondizionatamente ragione al nostro cliente o fornitore, possiamo anche tenere il nostro punto nel rispetto dei sentimenti dell’altra persona.

La cosa bella dell’empatia è che non si può fingere.

Però si può provare ad allenare, per scoprire magari che i primi a beneficiarne siamo noi stessi.

- Abituarsi ad ascoltare è il primo passo per sviluppare il nostro lato empatico. Ascoltare senza pensare a cosa risponderemo, ascoltare senza emettere rapidi giudizi (prova a fare caso a quanto poco ci metti a giungere alle tue conclusioni quando qualcuno ti racconta qualcosa), ascoltare mettendoti da parte.

- Analizza il contesto di chi ti sta parlando, cambia la tua prospettiva per pensare come si sente una persona in quella determinata situazione. Tu come ti sentiresti al suo posto?

- Un’altro passo verso lo sviluppo dell’empatia è un percorso personale: impara ad analizzare le tue emozioni. Non puoi comprendere le emozioni altrui se ancora non sai dare un nome alle tue.

Smettere di giudicare se stessi è forse più difficile che perdere l’abitudine di giudicare gli altri, ma inizia a riconoscere le tue emozioni ad accettarle così come sono.

La rabbia è umana, la tristezza è umana, l’orgoglio è umano così come lo sono la felicità, la sorpresa, l’ammirazione, la gelosia, l’ansia, la pace, la soddisfazione. Quando una delle emozioni prende il sopravvento sulle altre avrai un filtro diverso attraverso il quale vedere le cose, quindi tieni sempre presente che questo accade anche agli altri.

Svolgiamo un lavoro speciale, con clienti speciali, che si meritano e si aspettano un ambiente fisico ed emotivo speciale. E’ compito nostro creare un involucro dentro al quale i nostri sposi si sentano liberi di essere se stessi e si sentano compresi e accolti.

Per questo ho voluto inserire nel blog di Wedpreneur Academy una sezione dedicata alla conoscenza personale, perché la qualità delle persone che siamo è una nostra responsabilità, che influisce sulla qualità del nostro lavoro e sul successo della nostra attività.

Ne parleremo in modo approfondito con chi parteciperà alla Live Class del 9 e 10 maggio 2020.

Ti lascio con il mio regalo e con un pezzetto di una bellissima poesia di Wislawa Szymborska:

Dunque ci sei? Dritto dall’animo ancora socchiuso?

La rete aveva solo un buco, e tu proprio da lì? Non c’è fine al mio stupore, al mio tacerlo.

Ascolta

come mi batte forte il tuo cuore.

 
Hai trovato interessante questo articolo? Lasciami un commento!